Piantagione di Marijuana illegale trovata a Rödelheim

Piantagione di Marijuana illegale trovata a Rödelheim

24. Mai 2018 0 Von FrancoforteNews

Francoforte. C’era un odore strano da parecchi giorni, i vicini di casa perplessi raccontano con stupore quello che è successo lo scorso giovedi a nord di  Francoforte. Precisamenta a Rödelheim l’amministratore del condominio(Hausmeister) era stranito dall’odore e dal forte consumo di corrente elettrica, proprio per questo, insieme con la polizia sono riusciti a localizzare il coltivatore.

Verso le 2 di notte il 27 enne si è trovato dentro casa 11 poliziotti, e la casa completamente circondata, un bel bottino per la Polizia antidroga 27 piante di marijuana in una  serra INDOOR pronte per essere pulite e poi vendute a un mercato nero sempre più fiorente in Germania. I giovani e non solo tedeschi sono dei gran fumatori non solo di sigarette, questo episodio come altri lancia l’ennesima polemica, su come rendere possibile la vendita e la legalizzazione della Marijuana e dei suoi derivati. Per una volta, noi in Italia, possiamo essere un esempio da seguire,infatti da circa 6 mesi è possibile comprare Marijuana con un basso livello di THC sotto il 2% in parecchi negozi sparsi ovunque ormai.

Questa la circolare del Ministero:

 Il ministero dell’Agricoltura ha certificato ufficialmente che produrre e vendere cannabis light in Italia è legale.

La legge sulla possibilità di produzione e consumo di marijuana light era già in vigore, nel nostro paese, dal gennaio del 2017, ma c’erano ancora molte incertezze su alcuni punti specifici di quella stessa legge. Un’incertezza che, tra le altre cose, allarmava non poco i coltivatori e tutti coloro che lavorano anche solo come rivenditori. La nuova legge aveva infatti portato diverse persone ad investire in questo settore, considerato, per ovvie ragioni, in grande crescita. Ora tutti coloro che hanno avviato un business di questo tipo (come coltivatori o rivenditori) potranno continuare la loro attività senza dubbi di sorta. “La coltivazione della canapa – dice la circolare del ministero dell’Agicoltura – è consentita senza necessità di autorizzazione, che viene richiesta invece se la pianta ha un tasso THC di oltre lo 0,2 per cento come previsto da regolamento europeo. Qualora la percentuale risulti superiore ma entro il limite dello 0,6 per cento l’agricoltore non ha alcuna responsabilità; in caso venga accertato un tasso superiore allo 0,6 per cento l’autorità giudiziaria può disporre il sequestro o la distruzione delle coltivazioni di canapa”.

 

 

F.M