“La mobilità ciclistica è un sismografo dell’urbanità”

“La mobilità ciclistica è un sismografo dell’urbanità”

9. September 2018 0 Von FrancoforteNews

Come sarà il traffico cittadino del futuro? Con la mostra “Fahr Rad! Die Rückeroberung der Stadt” (trad.lett. “Vai in bici! La riconquista della città”) il Museo tedesco di Architettura di Francoforte rivela perché non c’è alternativa alla bicicletta. (La mostra è terminata il 2 settembre sicuramente verrà riproposta)

Le città di tutto il mondo stanno crescendo, diventando sempre più affollate: dal 1950 la popolazione urbana è raddoppiata, dal 2007 nei centri urbani vive più della metà dell’umanità che diventeranno due terzi nel 2050 secondo le stime delle NU. Affinché nelle città si possa continuare a vivere una vita dignitosa, c’è bisogno di molto spazio, piazze, spazi verdi e aree libere. Proprio le strade dei centri storici spesso antichi però hanno già raggiunto il limite. La mostra Fahr Rad! Die Rückeroberung der Stadt (Vai in bici! La riconquista della città) del Museo di Architettura di Francoforte, prendendo a esempio città come Copenaghen, New York, Karlsruhe e Oslo, rivela perché la bici potrebbe essere il mezzo del futuro.

Un’intervista con le curatrici Annette Becker e Stefanie Lampe.

 

 La riconquista della città”: questo sottotitolo suona come se si trattasse di riportare in essere una condizione preesistente. Il nostro futuro sta per caso nel nostro passato?

  Annette Becker: “Riconquista” si riferisce fondamentalmente allo spazio a disposizione. Ho visto recentemente un dipinto a olio del XIX secolo sul quale era rappresentata una strada di Parigi in uso ancora oggi. Su questa grande strada viaggiava una carrozza. Solo una. Molte delle nostre strade sono state costruite alla fine del XIX secolo per questa densità di traffico, ma nel frattempo ovviamente molto è cambiato. In questo senso si tratta di una riconquista, vale a dire dello spazio. 
 Barbara Lenz, ricercatrice nel settore dei trasporti, ha scritto che il termine “riconquista” suona una po’ come se si trattasse di una campagna militare.
 Becker: Non si tratta per noi di fare attività di lobbismo a favore della mobilità ciclistica, ma abbiamo notato una cosa decisiva quando abbiamo passato in rassegna gli innumerevoli progetti internazionali sulla mobilità contemporanea: la mobilità ciclistica è un sismografo dell’urbanità. Se in una città è agevole andare in bici, se quindi ci sono buone piste ciclabili e anche sufficienti spazi verdi, allora questo è indice di una città che possiede un’alta qualità di vita. Per questo motivo ci sembra sensato spingere a favore di una città a misura di bici.
 Qual è il clima nella società tedesca nei confronti di questo tema: si è concordi sul fatto che uno spazio pubblico a misura di biciclette è ciò che vogliamo?
 Becker: Non è un argomento che interessa tutti in modo diretto. Molte persone sono interessate a come poter gestire nel modo migliore la propria mobilità. Tuttavia in questo modo non è possibile sviluppare nessuna città, nessuna comunità. Direi che c’è consenso sul fatto che dobbiamo migliorare in qualche modo la nostra mobilità, al più tardi quando si passa ogni mattina bloccati nel traffico. 
 Stefanie Lampe: A ciò si aggiunge il fatto che la maggior parte delle città stanno crescendo e il XXI secolo verrà chiamato anche il secolo delle città. Con la densità di traffico odierna non è più possibile starsene seduti ognuno nella propria auto. Innumerevoli iniziative dei cittadini come le cosiddette “Radentscheide” (le decisioni ciclistiche) dimostrano che un numero sempre maggiore di persone capiscono che qualcosa deve essere fatto. In diverse città tedesche con le “Radentscheide” cittadini attivi chiedono un miglioramento della mobilità ciclistica. A Berlino è stato già ottenuta una prima legge ciclista: deliberata nel 2018 stabilisce che la città deve promuovere il traffico ciclistico. 
 Becker: Non vogliamo demonizzare le automobili. Per noi è importante una coesistenza pacifica, ma cruciale a questo scopo sono le strade e quelle non possono essere ampliate. 
 Quali altri argomenti, oltre ai problemi di spazio, sono a favore delle bici?
 Becker: La bicicletta è un mezzo veloce, semplice e divertente.
 

Lampe: Andare in bici fa bene alla salute ed è leggera. E poi c’è l’ambiente, anche se non è questo aspetto che spinge le persone a prendere la bici. Lo dimostrano i sondaggi fatti in città bike friendly come Groningen e Copenaghen: la gente prende la bici perché, per lo meno per le brevi distanze, è il mezzo più veloce e pratico. 

ciclisti in inverno

 Parliamo dell’aspetto estetico: il paesaggio urbano sarà più bello se lo spazio pubblico sarà maggiormente caratterizzato delle biciclette?
 Lampe: Siamo convinte che lo spazio pubblico diventerà più bello, si. Credo che abbiamo trovato validi esempi che lo dimostrano. In quanto Museo di Architettura per noi era importante mostrare progetti architettonici di alto valore anche dal punto di vista del design.
 Tra gli otto esempi provenienti dall’Europa e da altre regioni selezionati per la mostra ce n’è uno la cui estetica vi affascina particolarmente?
 LampeBarcellona.
 BeckerBarcellona. Passeig de Sant Joan è un viale semplicemente incredibile. In questo progetto urbanistica, pianificazione dei trasporti e soprattutto architettura del paesaggio si uniscono in modo esemplare creando nuovi spazi ricreativi di alta qualità. Con diverse panchine, nuovi spazi verdi e aree giochi lo spazio pubblico viene rivalutato per tutti, non solo per chi va in bici. Ci sono città che nelle questioni di design sono sempre più avanti rispetto alle altre e Barcellona è sicuramente una di queste. 
 Il concetto di “spazio pubblico” ha anche un accezione filosofica in Germania. Filosofi come Jürgen Habermas e Hannah Arendt hanno analizzato il termine “pubblico” tra l’altro come fattore politico. Detto in parole semplici: se meno persone viaggiano in auto, quindi isolati nelle loro quattro mura, cosa significa questo per la comunicazione sociale?
 LampeSenz’altro vediamo il potenziale per un cambiamento. La bicicletta è anche un mezzo di trasporto sociale. Quando vado in bici non mi muovo in una capsula d’acciaio, ma al contrario interagisco con lo spazio e con le persone che mi circondano. Vivo, in senso letterale, lo spazio urbano in modo diverso, lo percepisco in modo diverso. Ha anche a che fare con il cambiamento della velocità: più velocemente attraverso uno spazio, meno lo percepisco.

 

 

Ringraziamo la gentile concessione di pubblicazione:

Copyright: Testo: Goethe-Institut, Judith Reker.  Questo testo ha una licenza Creative Commons Attribuzione
Creative Commons Lizenzvertrag
Traduzione: Claudia Giusto
luglio 2018


www.goethe.de/italia/magazine