Deutsche Bank, perquisita la sede per indagini su riciclaggio. Il titolo cade

Deutsche Bank, perquisita la sede per indagini su riciclaggio. Il titolo cade

29. November 2018 0 Von FrancoforteNews

Fonte:Ilsole24ore.com

 

Oltre 170 agenti e inquirenti stanno effettuando una perquisizione nel quartier generale di Deutsche Bank, a Francoforte, e in altre sedi a Eschborn e Gross-Umstadt. Le indagini riguardano un caso di riciclaggio di denaro, collegato all’inchiesta sui cosiddetti Panama papers.

Secondo quanto riferisce la Procura in un comunicato, i sospetti si stanno concentrando su due dipendenti di 50 e 46 anni. A quanto riportano le agenzie internazionali, Deutsche Bank avrebbe aiutato i clienti ad aprire conti off-shore, senza riferire all’autorità di casi sospetti di riciclaggio operati attraverso filiali dell’istituto tedesco. La banca ha confermato di essere sotto indagine con un tweet dal suo account ufficiale, dichiarandosi intenzionata a collaborare con le autorità.

 

Solo nel 2016, scrive il quotidiano finanziario Frankfurter Allgemeine Zeitung, oltre 900 clienti con un volume d’affari da 311 milioni di euro sarebbero stati assistiti da una sede della società registrata nelle Isole Vergini. Il titolo soffre in Borsa, cedendo fino a quasi il 5% del suo valore, poi ha recuperato nel corso della seduta.

IL TITOLO DEUTSCHE BANK A FRANCOFORTE

Il caso Danske Bank sullo sfondo
Nelle scorse settimane, il colosso bancario tedesco era finito sotto ai riflettori per un altro scandalo: il coinvolgimento nelle indagini su Danske Bank, l’istituto di credito danese travolto da uno scandalo riciclaggio da 200 miliardi di euro. In questo caso, Deutsche Bank avrebbe gestito tramite una sua filiale americana un totale di 150 miliardi di dollaridi provenienza sospetta. L’istituto è stato contattato dal dipartimento di giustizia che si occupa delle indagini, ma non è il solo gruppo ad aver attirato l’interesse degli inquirenti americani: fra gli altri colossi nel mirino ci sono Bank of America e JP Morgan.

Gli inquirenti contestano agli indagati di «non avere segnalato i sospetti di riciclaggio nei confronti delle società offshore responsabili di frode fiscale» prima dell’emersione nell’aprile 2016 dello scandalo Panama Papers, pur avendo a disposizione «elementi sufficienti fin dall’inizio del rapporto tra la banca e questi clienti».